Coronavirus in Sicilia: 366 nuovi positivi e 2 vittime. Salgono a 49 le terapie intensive -
Catania
18°

Coronavirus in Sicilia: 366 nuovi positivi e 2 vittime. Salgono a 49 le terapie intensive

Coronavirus in Sicilia: 366 nuovi positivi e 2 vittime. Salgono a 49 le terapie intensive

Sono 366 i nuovi positivi al Covid-19 registrati in Sicilia nelle ultime 24 ore. Salgono così a 5187 gli attuali positivi e passano a 496 i ricoverati in ospedale con un incremento di 26 ricoveri rispetto a ieri.

Di questi 49 si trovano in terapia intensiva, ben 5 in più rispetto a ieri, mentre sono 447 i ricoveri in regime ordinario; 4.691 sono i pazienti in regime isolamento domiciliare.

I tamponi eseguiti sono stati 7021. Anche oggi si registrano 2 nuove vittime che portano il totale a 343. I guariti sono 54.

Sul fronte della distruzione fra province Catania supera Palermo con 117 contagi mentre il capoluogo di regione oggi si ferma a 94 seguita da Trapani con 49 e da Messina con 39. A Siracusa sono 26, a Caltanissetta i nuovi positivi sono 20, a Ragusa 10, Enna 6 e ad Agrigento 5.

Si allarga il focolaio di Covid-19 a Galati Mamertino, in provincia di Messina, il Comune dichiarato zona rossa dal Governo regionale.

Sono 115 i casi di positività confermati fino a questa mattina. “Nel mio paese di 2600 abitanti, dopo aver scoperto un caso di Covid, siamo arrivati che ad oggi abbiamo trovato 115 positivi accertati. Un numero molto elevato”, queste le parole del primo cittadino Antonio Baglio.

La Regione ha dichiarato zona rossa il piccolo centro da ieri alle 14. E’ arrivato l’esercito, polizia e carabinieri hanno chiuso tutti i varchi del Comune. Sono solamente due i varchi di accesso percorribili per motivi strettamente necessari per andare a lavoro o per motivi sanitari. “Questo sacrificio ci sta consentendo di bloccare la diffusione del virus – continua il sindaco -. La cittadinanza sta rispondendo bene. I positivi sono tutti in isolamento. I positivi e i loro contatti: circa 500 persone in isolamento”.

Potrebbero interessarti anche