Terremoto di Santo Stefano: spunta la bozza del decreto per la ricostruzione -
Catania
26°

Terremoto di Santo Stefano: spunta la bozza del decreto per la ricostruzione

Terremoto di Santo Stefano: spunta la bozza del decreto per la ricostruzione

Emergono novità importanti sulla bozza del decreto per la ricostruzione delle zone terremotate, comprese quelle colpite dal sisma di Santo Stefano sull’Etna. Il decreto, annunciato dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio Vito Crimi, è suddiviso in due parti e riguarda anche la ricostruzione delle aree colpite dagli ultimi terremoti.

Il primo capo – come risulta dalla bozza visionata dall’agenzia Public Policy – contiene 16 articoli per la ricostruzione nelle Regioni Marche (per le scosse che hanno colpito la provincia di Campobasso ad agosto 2018) e in Sicilia (per le scosse che hanno colpito l’area etnea il 26 dicembre 2018): per l’Isola nel decreto sono nominati i Comuni  di Zafferana Etnea, Viagrande, Trecastagni, Santa Venerina, Acireale, Aci Sant’Antonio, Aci Bonaccorsi, Milo, Aci Catena, ovvero i nove centri che nel sisma di quasi tre mesi fa hanno riportato danni,

Si tratta del primo intervento legislativo per normare il processo di ricostruzione in questi territori. Nel capitolo che riguarda la contabilità speciale, il decreto assegna 300 milioni di euro per il Commissario straordinario per la ricostruzione nei territori dei Comuni della provincia di Catania per il 2018, 60 milioni per l’anno 2019, 120 milioni per l’anno 2020 ed euro 120 milioni per l’anno 2021. Il decreto parla di interventi per la demolizione e ricostruzione, la riparazione e il ripristino degli edifici pubblici, delle chiese e degli edifici di culto di proprietà di enti ecclesiastici civilmente riconosciuti, per gli interventi volti ad assicurare la funzionalità dei servizi pubblici e delle infrastrutture.

Potrebbero interessarti anche