Giardini Naxos: un Comune più "intelligente" con la "Smart City" -
Catania
24°

Giardini Naxos: un Comune più “intelligente” con la “Smart City”

Giardini Naxos: un Comune più “intelligente” con la “Smart City”

Avviate le procedure per attuare l’innovativa strategia di pianificazione urbana finalizzata ad innalzare la qualità di vita tramite servizi tecnologicamente all’avanguardia ed al contempo rispettosi dell’ambiente. Chiesta la fattiva collaborazione di tutti i cittadini

Giardini Naxos si candida a diventare una “Smart City”, ossia una “città intelligente” dotata di servizi all’insegna di tecnologie altamente innovative, ma rispettose dell’ambiente.

La relativa proposta di deliberazione, presentata dal vicesindaco Carmelo Giardina (nel riquadro in foto), è stata approvata nei giorni scorsi dalla Giunta Comunale naxiota.

Adesso, dunque, nella prima colonia greca di Sicilia verrà formato un gruppo di lavoro finalizzato a costituire l’associazione “Giardini Naxos Smart City”, che dovrà mettere a punto un progetto per il miglioramento della qualità della vita della comunità locale.

Attraverso un bando pubblico verranno quindi coinvolti nell’iniziativa cittadini, associazioni, operatori economici, enti ed Università.

Ad illustrare i benefici che Giardini Naxos potrà trarre dalla “Smart City” è il suo stesso promotore, ossia il vicesindaco Carmelo Giardina.

«Da parecchi anni – sottolinea il numero due dell’Amministrazione Comunale giardinese – il concetto di “smart city”, o “città intelligente”, è diffuso in tutto il mondo. Obiettivo di questa particolare strategia di pianificazione urbana è quello di elevare la qualità della vita di un determinato contesto umano e territoriale puntando sulle nuove tecnologie applicate ai servizi pubblici (in particolare nei settori della mobilità, della comunicazione, della sicurezza e del sociale), sul rispetto per l’ambiente e sul risparmio energetico. Affinché tutto ciò si realizzi occorrono innanzi tutto un cambiamento culturale e la partecipazione attiva di tutti i cittadini e delle varie componenti della comunità locale, cui si chiede di dare il proprio contributo in merito alle decisioni da prendere ed alle misure da adottare».

Rodolfo Amodeo

Potrebbero interessarti anche