Catania

Riattivazione Alcantara-Randazzo: incontri al vertice per gli amministratori comunali

Riattivazione Alcantara-Randazzo: incontri al vertice per gli amministratori comunali

Avantieri, nel corso di un simbolico viaggio in treno da Catania a Siracusa, i rappresentanti delle municipalità di Francavilla, Motta Camastra e Mojo hanno cominciato a programmare il ripristino della tratta a fini turistici con le massime autorità della Regione Siciliana e con i più alti dirigenti della Fondazione “Ferrovie dello Stato Italiane”

Una nutrita delegazione di amministratori dei Comuni di Francavilla di Sicilia, Motta Camastra e Mojo Alcantara ha partecipato sabato scorso all’iniziativa “Treni storici e turismo in Sicilia”, promossa dalla Fondazione “Ferrovie dello Stato Italiane” per illustrare l’accordo raggiunto tra quest’ultima e la Regione Siciliana finalizzato a dare attuazione alla legge n. 128 del 9 agosto 2017 che consente di riattivare le tratte ferroviarie dismesse di importante interesse storico-turistico.

Come abbiamo già riferito in altri nostri precedenti servizi giornalistici, tra queste tratte di particolare pregio la sopra citata legge ha incluso anche l’Alcantara-Randazzo, inaugurata nel 1959 e soppressa nel 1995 perché discutibilmente ritenuta economicamente improduttiva. Da qui la presenza di alcuni sindaci, assessori e consiglieri comunali della Valle dell’Alcantara alla manifestazione di avantieri, svoltasi in forma itinerante con un simbolico viaggio inaugurale in treno da Catania a Siracusa.

Il Comune di Francavilla di Sicilia, in particolare, è stato rappresentato dal sindaco Enzo Pulizzi e dai consiglieri Gianfranco D’aprile e Filippo Grifò i quali, insieme ai loro colleghi di Motta Camastra e Mojo, hanno avuto modo di interloquire con il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, e con l’assessore regionale al Turismo, Sandro Pappalardo, presenti all’evento così come altre autorevoli personalità, tra cui Mauro Moretti e Luigi Cantamessa, rispettivamente presidente e direttore della Fondazione F.S., l’europarlamentare Michela Giuffrida e l’onorevole  Maria Iacono, prima firmataria della legge sulla riattivazione a fini turistici delle tratte ferroviarie dismesse.

Marco Crimi e Davide Tricomi, rispettivamente presidente e vicepresidente dell’associazione “Ferrovia Valle Alcantara”, con l’assessore regionale Pappalardo

E non potevano mancare gli esponenti dell’associazione “Ferrovia Valle Alcantara”, che da tempo si batte per il recupero della Taormina-Randazzo e che nelle settimane scorse, insieme all’Ente Parco Fluviale dell’Alcantara, si è fatta promotrice di un documento-appello per il ripristino della locale tratta ferroviaria ai sensi della recente legge 128/2017. Avantieri tale documento è stato personalmente consegnato all’assessore regionale Pappalardo, il quale ha concordato con i rappresentanti degli enti locali interessati la tabella di marcia da seguire affinché il “sogno” possa in tempi brevi diventare realtà.

Per l’occasione gli esponenti del governo regionale e della Fondazione F.S. hanno presentato il programma quasi completo dei treni storici che attraverseranno la Sicilia nel corso del 2018. Al momento si tratta di oltre 30 convogli (che toccheranno località come Noto, Modica, Ragusa, Porto Empedocle, ecc.), cui sicuramente se ne aggiungeranno altri.

All’iniziativa sta dando il proprio supporto la sezione siciliana dell’organizzazione “Slow Food”, che si occupa della promozione delle tradizioni culinarie e dei prodotti tipici locali.

Rodolfo Amodeo

 

FOTO PRINCIPALE: il sindaco di Francavilla di Sicilia, Enzo Pulizzi, con l’assessore regionale Sandro Pappalardo e con l’On. Maria Iacono

Potrebbero interessarti anche