Processo Enigma: il presidente Maria Pia Urso dice tre volte “no” -
Catania
16°

Processo Enigma: il presidente Maria Pia Urso dice tre volte “no”

Processo Enigma: il presidente Maria Pia Urso dice tre volte “no”

Associazione di stampo mafioso al clan di Sebastiano Mazzei, rapine ed estorsioni: con queste accuse la Procura di Catania, al termine dell’operazione denominata Enigma, ha portato in Tribunale ventinove persone.

All’udienza di ieri, mercoledì 17 febbraio 2016, la Difesa è stata bersagliata dai ripetuti “no” del Presidente Maria Pia Urso.

“No” all’ammissione delle costituzioni di parte civile di Associazioni Codici Onlus, Obiettivo Legalità e Articolazione Territoriale Codici Sicilia; “no” a tutte le riserve sollevate dalla Difesa in fatto di notifiche, genericità dei capi di imputazione e consultazione del materiale probatorio; e, per finire, il Presidente Urso ha respinto tutte le richieste di rito abbreviato condizionato, stante che, dichiara, “sono prive del carattere della novità della questione”.

Flora Bonaccorso

Potrebbero interessarti anche