Calatabiano, riunione operativa sul dissesto idrogeologico del monte Castello -
Catania
22°

Calatabiano, riunione operativa sul dissesto idrogeologico del monte Castello

Calatabiano, riunione operativa sul dissesto idrogeologico del monte Castello

Il dissesto idrogeologico del monte Castello e i relativi rischi per l’incolumità pubblica al centro di un incontro al municipio di Calatabiano. Al tavolo tecnico promosso dal sindaco Giuseppe Intelisano, erano presenti il responsabile dell’area tecnica, Ing. Salvatore Faro, il vicepresidente del Consiglio comunale Salvatore Turrisi e per l’ente sostentamento del clero di Acireale, proprietaria della “Terra vecchia di Calatabiano”, il presidente dell’Istituto diocesano Mons. Alfio Scuto, il vicepresidente dell’ente, don Salvatore Cassaniti, don Gaetano Lo Giudice del Consiglio di amministrazione dell’Istituto di sostentamento del clero, il presidente della Cultinvest (che gestisce il castello di Calatabiano) Mons. Rosario Di Bella e l’amministratore delegato della Cultinvest, l’ing. Sebastiano Di Prima, compreso il proprietario di un’area a valle dell’antica fortezza.

Ad introdurre la problematica relativa ai rischi idrogeologici presenti sui versanti della collina del castello, oggetto da decenni di ripetuti incendi dolosi e interessata da una frana attorno al maniero restaurato, il sindaco Giuseppe Intelisano, che ha prospettato ai presenti possibili soluzioni di mitigazione del rischio stesso. I proprietari dell’area del castello, hanno rappresentato che già dal 2009 è stato predisposto e approvato un progetto di riqualificazione idrogeologica dell’intera area, al fine di concorrere al bando  Misura 2.2.7 “Sostegno agli investimenti non produttivi”, che è stato ritirato dalla Regione, e di cui si resta in attesa di pubblicazione di nuovo bando.

Il sindaco Giuseppe Intelisano a fine incontro si è assunto l’impegno di sollecitare presso le sedi istituzionali la ripubblicazione del bando, stante che l’intero territorio comunale è fortemente soggetto a rischio idrogeologico ed è già stato duramente colpito da eventi alluvionali nel 2011.

Potrebbero interessarti anche