Unsic-Enasc: da Francavilla di Sicilia “alla conquista” di cinquanta Comuni -
Catania
12°

Unsic-Enasc: da Francavilla di Sicilia “alla conquista” di cinquanta Comuni

Unsic-Enasc: da Francavilla di Sicilia “alla conquista” di cinquanta Comuni

In appena due anni, la giovane organizzazione sindacale e l’annesso patronato si sono ben radicati in tutta la provincia di Messina grazie all’articolata rete di sedi distaccate facenti capo all’ufficio centrale della cittadina dell’Alcantara, diretto dai coniugi Piero Ricciardo e Giusy Lentini, vincitori di un’esaltante sfida

Hanno recentemente festeggiato i venticinque anni di matrimonio, ma anche i due anni di un’esaltante avventura professionale: ci riferiamo ai coniugi Piero Ricciardo e Giusy Lentini, abili “tessitori”, su tutto il territorio della provincia di Messina, di un’articolata struttura al servizio della gente, che ha il suo “epicentro” nel Comune di Francavilla di Sicilia.

Da sempre proficuamente impegnati nell’attività sindacale sotto le “sigle” tradizionali (in particolare la U.I.L.), i coniugi Ricciardo da un biennio si sono messi “in proprio” aderendo all’organizzazione “U.N.S.I.C.” (Unione Nazionale Sindacale Imprenditori e Coltivatori) ed al collegato Patronato “E.N.A.S.C.” (Ente Nazionale di Assistenza Sociale ai Cittadini).

Oggi, dunque, il loro “storico” ufficio di Francavilla di Sicilia, in Via Umberto n. 158, è il “motore” di un centro-servizi avente circa cinquanta sedi distaccate in altrettanti ed importanti Comuni della provincia peloritana (Taormina, Giardini Naxos, Gaggi, Graniti, Santa Domenica Vittoria, Floresta, Mojo Alcantara, Roccella Valdemone, Santa Teresa Riva, Mongiuffi Melia, Itala, Alì Terme, Spadafora, Venetico, Patti, Torregrotta, Santa Lucia del Mela, San Pier Niceto, Terme Vigliatore, Tortorici, ecc.) ai cui responsabili qualsivoglia cittadino può rivolgersi per ricevere adeguata assistenza nel disbrigo delle varie pratiche inerenti alla propria posizione lavorativa, ai trattamenti pensionistici, alle prestazioni sanitarie, ai rapporti col fisco ed alle opportunità di finanziamento.

E grazie alle loro spiccate capacità organizzative, ma anche alla loro apprezzata vicinanza alla gente ed alle categorie cosiddette “deboli”, i coniugi Ricciardo ed i loro giovani collaboratori (in particolare Roberto Buemi, Helena Ricciardo, Enza Romano e Giuseppe Vaccaro) sono stati capaci, in provincia di Messina, di trasformare un patronato “outsider”, fondato appena diciotto anni fa, in una struttura “leader”, in grado di tenere testa alle più blasonate sigle nazionali: i tantissimi loro iscritti nei vari Comuni peloritani (circa quattromila pensionati, mille lavoratori agricoli, quattrocento agricoltori e duemilacinquecento presentatori del Modello 730) hanno addirittura fatto posizionare l’Unsic-Enasc messinese al secondo posto (dopo la Cisl) nella graduatoria stilata dall’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale (Inps) ai fini dell’assegnazione dei tempi di audizione e disbrigo pratiche dei vari sindacalisti nei propri uffici; ciò significa che quando un referente Unsic-Enasc si reca in una sede Inps, può fermarsi lì anche un’intera giornata a chiedere informazioni e consultare documenti, mentre agli altri patronati (oltre trenta) operanti a Messina e provincia, avendo un minor numero di utenti, sono assegnati dei tempi molto più ristretti.

«Abbandonare le organizzazioni tradizionali per andare a “costruirne” una ex novo in tutto il territorio provinciale – dichiara Piero Ricciardo, responsabile zonale Unsic – è stata una scommessa alquanto temeraria, ma che abbiamo brillantemente vinto, dimostrando che alla gente non importa tanto la “sigla famosa” quanto, piuttosto, il servizio che concretamente, attraverso un impegno quotidiano e con competenza, le si riesce a dare. Con la Unsic-Enasc ci troviamo benissimo, grazie anche all’entusiasmo che ci trasmettono i suoi massimi responsabili, a cominciare dal presidente nazionale Domenico Mamone, e che ci ha consentito di reclutare nei vari Comuni del Messinese tanti giovani professionisti cui abbiamo affidato la gestione delle nostre sedi».

«E per l’immediato futuro – tiene a sottolineare Giusy Lentini, responsabile zonale Enasc nonché figlia di un compianto sindacalista francavillese – ci attendono importanti novità, come l’avvio presso i nostri uffici di quattro progetti di Servizio Civile e la collaborazione col prestigioso Consorzio “Studio Milone Group”, una struttura avente la sua sede legale nel Comune di Brolo e da sempre all’avanguardia nei servizi ai lavoratori ed alle imprese».

Per Francavilla di Sicilia è senz’altro motivo d’orgoglio l’essere la sede centrale di un’organizzazione assurta a punto di riferimento per migliaia di cittadini ed operatori economici della provincia di Messina.

E per i suoi principali artefici, questo meritato successo è pure un bel “regalo” per le loro recenti nozze d’argento, un traguardo che Piero e Giusy hanno felicemente raggiunto condividendo insieme non solo la vita familiare, ma anche l’impegno professionale e sociale al servizio della gente.

Rodolfo Amodeo

 

FOTO: Piero Ricciardo e Giusy Lentini e, nel riquadro, l’ingresso degli uffici Unsic-Enasc a Francavilla di Sicilia     

Potrebbero interessarti anche