Santa Venerina, il “lato rosa” del successo -
Catania
19°

Santa Venerina, il “lato rosa” del successo

Santa Venerina, il “lato rosa” del successo

Ottima riuscita della terza edizione di “Femminile Plurale” che ha premiato alcune donne che sono riuscite ad affermarsi in campo professionale, artistico o sportivo

Con un’eccezionale cornice di pubblico, molto partecipe, lo scorso 15 marzo ha avuto luogo nella “Casa del Vendemmiatore” di Santa Venerina la terza edizione di “Femminile Plurale”, una manifestazione organizzata dall’associazione “Storia, Cultura e Sviluppo Territoriale” (Sto.Cu.Svi.T.) con il patrocinio degli assessorati alla Cultura e Pari opportunità del Comune di S. Venerina. Come è stato chiarito dal presidente dell’associazione, Domenico Strano, questa iniziativa intende porre l’attenzione sulle donne native o residenti a S. Venerina che, con il loro impegno e sfidando gli ostacoli frapposti spesso dal contesto di vita, sono riuscite ad affermarsi in campo professionale, artistico o sportivo. Vuole essere un’alternativa alla festa, in buona parte “sbiadita”, dell’8 marzo e vuole andare oltre la denuncia di abusi e violenze per sottolineare elementi di positività che meritano di essere resi noti.

Maria Concetta Vadalà, psicologa clinica, ha aperto la serata puntando sul cambiamento in corso nella nostra società che tende, seppur con difficoltà ancora non superate pienamente, a rimodulare la relazione uomo-donna nell’ottica delle pari opportunità e del rispetto reciproco tra i sessi. Subito dopo, è stato dato il via al momento clou della serata dalla presentatrice di “Femminile Plurale, Katia Lanza, voce ben nota di Radio Etna Espresso di Acireale e di Canale9, già tra le premiate della prima edizione. Con molto dinamismo la stessa ha illustrato le finalità dell’iniziativa, ha reso noti i profili delle donne premiate e degli ospiti e si è anche intrattenuta con loro in brevi ma incisive conversazioni, agevolando pure il compito della consegna degli attestati e degli omaggi floreali. Il tema della donna madre, dell’adolescente in crisi e della donna nelle culture misogene dell’Oriente è stato affrontato dal Gesuele Sciacca Group, con delle poesie inedite musicate con gusto musicale elegante e raffinato dallo stesso Sciacca.

Da quel momento si sono susseguite le premiazioni: la prima a ricevere il riconoscimento è stata Maria Nevia Russo, una vera artista della pasticceria che realizza, facendo uso della pasta reale, con estro da tutti riconosciuto, frutta, oggetti, paesaggi, monumenti, piazze, presepi. Di lei hanno scritto anche giornali tedeschi e giapponesi. La seconda a salire sul palco è stata Cristina Mammino, musicista diplomata in pianoforte e abilitata all’insegnamento, svolge un’intensa attività concertistica; dal 2008 è presidente dell’Associazione ETRA-Centro di Formazione Musicale e dirige il centro di S. Venerina. Un riconoscimento speciale è stato conferito al “Centro di Aiuto alla Vita” di Santa Venerina il quale, tramite volontari qualificati, aiuta moralmente e materialmente le donne in difficoltà in caso di gravidanze inattese o difficili. Presenti l’attuale presidente Rosalba Lombarso e i fondatori Ginevra e Cesare Scuderi. È stata poi la volta di Francesca Sorbello, campionessa di lotta a corpo libero e componente della nazionale italiana: numerose le sue affermazioni nei vari campionati nazionali e internazionali. Angela Murabito, da conduttrice radiofonica e informatrice turistica, è passata alla carriera amministrativa ed ha operato nell’Ufficio Provinciale del Lavoro (SCICA di Giarre) e, successivamente, presso la Procura distrettuale della Repubblica di Catania per approdare, infine, una volta stabilizzata, alla Protezione civile, dove attualmente coordina l’ufficio del personale.

Le emozioni musicali promesse nel manifesto di “Femminile Plurale” sono state veicolate, oltre che dal gruppo di Gesuele Sciacca, dagli altri ospiti: il complesso “I Titani”; la piccola cantante prodigio Marika Tomarchio, reduce dai successi su Rai1 nella trasmissione di Antonella Clerici “Ti lascio una canzone”; Amedeo Raciti, dalla voce possente e ben modulata, salito alla ribalta ultimamente come interprete originale di note canzoni d’autore. Tutti hanno ottenuto scroscianti applausi. Alla ripresa delle premiazioni c’è stata la proiezione di un video e l’esibizione dal vivo di Elena Ronsisvalle, che ha frequentato l’accademia professionale di musica SDM –La Scuola del Musical – a Milano ed è stata scritturata per il Musical “Grease”, per la regia di Saverio Marconi. È stata anche in Rai assieme al giornalista Luca Giurato e Alba Parietti e l’ex parlamentare Wladimir Luxuria. La stessa, accompagnata dai “Titani” e da un gruppo di ragazzi e ragazze, ha dato una dimostrazione molto gradita della sua professionalità cimentandosi in “The summer night”.

Dalla musica all’architettura sperimentale con i “giardini d’avanguardia” presentati da Maria Maccarrone, architetto, dal 2008 professore a contratto nell’Università IUAV di Venezia. È stata poi la volta di Anna Maria Loglisci, laureata in Scienze Politiche e in Lingue e Letterature straniere, già docente d’Inglese, scrittrice di romanzi e giornalista. Infine, un momento suggestivo ed elettrizzante è stato offerto dall’ultima delle donne premiate, Silvia Finocchiaro in arte Nejma, danzatrice professionista e insegnante di danza orientale, la quale si è esibita in una performance molto apprezzata. Il sigillo conclusivo è stato posto da una canzone siciliana dal titolo “Rosa”, eseguita da Franco Pulvirenti (voce e fisarmonica).

Saluti finali da parte dell’associazione Sto.Cu.Svi.T. e dell’assessore Alfina Marino e un grazie al pubblico e a tutti coloro che hanno collaborato alla riuscita di questa terza edizione anche da parte di chi scrive, che ha curato i testi e la regia. Ottima la collaborazione dei soci dell’associazione Sto.Cu.Svi.T. Maria Lizzio, Rosa Vecchio, Eleonora Caggegi, Teresa Maccarrone, Orazio G. Vecchio, Salvatore Sciacca, Gabriele Sciuto e dal dinamico presidente Domenico Strano, che hanno garantito il supporto organizzativo in tutti i momenti della manifestazione nonché di Franco Feminò, leader dei “Titani”, il quale, assieme ai suoi musicisti, ha curato quasi tutte le esibizioni musicali. Appuntamento alla quarta edizione.

Giovanni Vecchio

Potrebbero interessarti anche