Nera: il quadro in provincia di Catania -
Catania
39°

Nera: il quadro in provincia di Catania

Nera: il quadro in provincia di Catania

Mascalucia: in manette topo d’appartamento

– I Carabinieri della locale Tenenza hanno arrestato in flagranza il 51enne catanese Salvatore Puglisi, per furto aggravato.
L’uomo, nel pomeriggio di ieri, si è introdotto in un appartamento di San Giovanni La Punta, in via Duca degli Abruzzi, ed ivi, dopo aver razziato gioielli e monili in oro, è fuggito a bordo della sua Opel Zafira a causa dell’ inaspettato ritorno in casa del proprietario.
La vittima ha immediatamente avvisato il 112 che, in perfetta sinergia con le autoradio dislocate sul territorio, è riuscito a comunicare alla pattuglie la descrizione del veicolo, intercettato e bloccato da due militari di Mascalucia in quella Via Firenze.
Inutile il tentativo di fuga del malvivente che, alla vista dei CC, ha cercato un improbabile fuga a piedi per le vie limitrofe.
La refurtiva, interamente recuperata, è stata restituita al legittimo proprietario mentre l’arrestato è stato posto ai domiciliari in attesa del rito per direttissima.

Misterbianco: Ruba 200 kg di arance. Arrestato.

– I Carabinieri della locale Tenenza hanno arrestato in flagranza un 49enne catanese, per furto aggravato.
Due militari di pattuglia, nel corso di un servizio di controllo del territorio, in Contrada Sieli di Misterbianco, hanno fermato ed arrestato il ladro mentre cercava di allontanarsi dalla zona con la macchina carica di arance, poco prima rubate da un fondo agricolo privato.
Le arance, circa 200 kg, sono state restituite al legittimo proprietario.

Maniace: La molesta assiduamente al telefono. Denunciato

– I Carabinieri della locale stazione hanno denunciato un 36enne per molestie e minacce a mezzo telefono.
L’uomo, invaghitosi di una donna del luogo, nel periodo tra l’agosto del 2013 ed il gennaio di quest’anno, l’ha importunata telefonicamente giungendo anche a delle vere e proprie minacce pur di convincerla ad intraprendere una relazione amorosa.
La vittima, fortunatamente, ha denunciato tutto ai Carabinieri che in poco tempo sono riusciti a risalire all’identità dello spasimante contestandogli gli addebiti.

Caltagirone: servizio coordinato nel Calatino

– Nel corso del servizio coordinato di controllo del territorio denominato “piano d’azione modello trinacria” i Carabinieri della Compagnia di Caltagirone, coadiuvati dalla Compagnia di Intervento Operativo della Legione Puglia, hanno arrestato DI Franco Stefano, 56enne di Grammichele (CT), in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Caltagirone che lo ha ritenuto colpevole del reato di ricettazione, commesso a Niscemi (EN) il 18.6.2000.
L’uomo è stato associato al carcere di Caltagirone ove sconterà mesi 4 e giorni 28 di reclusione.
Nell’ambito del servizio sono state denunciate tre persone per reati che variano tra la falsità in scrittura privata, la guida senza patente ed il possesso di oggetti atti ad offendere.
Si è proceduto altresì al controllo di 71 autoveicoli; all’identificazione di 98 persone; ad elevare 11 contravvenzioni al codice della strada; al sequestro amministrativo di 3 autovetture; al controllo di 17 detenuti agli arresti domiciliari.

Potrebbero interessarti anche