Al via convegno Forza Italia a Taormina -
Catania
32°

Al via convegno Forza Italia a Taormina

Al via convegno Forza Italia a Taormina

“Faremo un’opposizione dura e di proposta al governo”. Parola di Silvio Berlusconi, che promette battaglia non solo a livello nazionale.

Il Cavaliere ha infatti telefonato questa mattina ai militanti del club “Forza Silvio” di Taormina riuniti con il senatore Vincenzo Gibiino e li ha invitati a opporsi “all’immobilismo inaccettabile” dell’attuale giunta regionale.

“La sinistra, che non è capace di governare una città, pretende di saper governare il Paese, questa è una verità che non viene mai raccontata”, attacca Berlusconi, “C’è quasi una legge non scritta, quello di non dire che la nostra presenza in politica abbia prodotto dei buoni frutti per il Paese. L’obiettivo fondamentale è quello di eliminare Silvio Berlusconi dalla vita pubblica per poter prevalere su tutto il centrodestra”.

“Nel futuro della vostra Isola ci sono molte cose belle che si possono fare”, ha detto l’ex premier, “Ci sono poi delle consapevolezze che ci fanno stare all’opposizione dura delgoverno Crocetta. Mi riferisco all’immobilismo veramente inaccettabile da parte della giunta regionale”. Berlusconi snocciola le critiche al governatore siciliano: la finanziaria di fine anno bocciata dal Commissario dello Stato, la riforma delle Province “che qualcuno ha definito un aborto”, il non utilizzo dei fondi europei “con tutte le grandi ricadute in termini di occupazione”, l’assenza di credito, nessuna idea da parte di sinistra e giunta sul rilancio del turismo, dell’industria, dell’agricoltura e del commercio siciliano.

“Credo che tutto questo ci dia ragione nell’essere opposizione dura a questo governo, opposizione anche di proposta, visto che siamo persone positive, che viene fuori proprio dai nostri dipartimenti regionali. I siciliani devono diventare protagonisti. C’è un dovere per tutti: darsi da fare per decidere sul comune destino di voi siciliani e di noi tutti italiani”.

Potrebbero interessarti anche