Catania
19°

S.P. 81 Castiglione-Calatabiano: una “camminata” di riflessione

S.P. 81 Castiglione-Calatabiano: una “camminata” di riflessione

Si è svolta qualche giorno fa la sesta edizione dell’annuale passeggiata di sensibilizzazione al problema del mancato completamento dell’arteria provinciale che dovrebbe collegare direttamente i due Comuni e le borgate intermedie di Mitogio e Gravà, oltre a costituire un asse viario al servizio dell’agricoltura, del turismo e della sicurezza pubblica

Anche quest’anno, per la sesta volta, ha avuto luogo qualche giorno fa la “Camminata Castiglione-Mitogio”, organizzata dal “Comitato S.P. 81” guidato dalla dinamica presidente Maria Lilia Papa.

L’iniziativa è nata come un momento di riflessione sulle vicissitudini della strada, di competenza della Provincia Regionale di Catania, da cui il suo comitato organizzatore prende il nome e che ancora, a distanza di quasi un secolo (correva l’anno 1919) dalla sua progettazione, non riesce a collegare il Comune di Castiglione di Sicilia con quello di Calatabiano in quanto s’interrompe tra le contrade di Gravà e Mitogio. Trattasi di una delle cosiddette “incompiute” che, nella fattispecie, penalizza l’intera Valle dell’Alcantara: attraverso la piena funzionalità di quest’arteria, infatti, non solo i Comuni direttamente interessati (Castiglione e Calatabiano) ma anche diversi altri (Francavilla di Sicilia, Motta Camastra, Gaggi, Graniti, ecc.) potrebbero conseguire benefici di sviluppo turistico ed economico oltre che ritrovarsi una valida alternativa alla Strada Statale 185.

Come ha sottolineato a conclusione della sesta edizione della “Camminata” la professoressa Papa (nella foto accanto), presidente del Comitato Pro S.P. 81, «anche quest’anno la nostra iniziativa ha fatto conoscere meglio il nostro territorio sia ai suoi stessi abitanti e sia ad amanti della natura provenienti da altrove. Ed ancora una volta sono nati legami e nuove amicizie all’insegna del desiderio comune di amare questo angolo di territorio che abbiamo ricevuto in dono, ma anche di osservarlo con occhio critico.

«Ricordiamo che la Sp 81 è stata costruita a tratti nel tempo, ed oggi mancano solo pochissimi chilometri per renderla tutta percorribile. Ma sono talmente tanti gli interessi, le “distrazioni” e le beghe politiche provinciali e regionali che non si riesce ad arrivare al suo completamento.

«Eppure si tratta di un’arteria di importanza strategica in quanto attraversa la sponda destra del fiume Alcantara, ossia un angolo di territorio a grande vocazione turistica (dove ricadono, tra l’altro, le “Gurne” o “Vulli” dell’Alcantara) e che potrebbe dare tanto dal punto di vista socioeconomico ed occupazionale: pensiamo ai numerosi appezzamenti agricoli con i rispettivi casolari (che potrebbero trasformarsi in accoglienti B&B o agriturismi) che, al verificarsi delle piogge invernali, per mesi interi non possono essere raggiunti dai rispettivi proprietari proprio per la mancanza di una strada agevolmente percorribile.

«Ma, al di là di questo, la Sp 81 costituirebbe un’indispensabile alternativa e via di fuga in caso di calamità in altre parti del territorio (qualora, in particolare, dovesse essere, per un motivo o per un altro, chiusa al transito la parallela e frequentatissima S.S. 185). E si rivelerebbe utile anche al verificarsi dei purtroppo immancabili roghi estivi in quanto consentirebbe alle squadre antincendio di arrivare con i mezzi sino ai fianchi delle colline in fiamme per le operazioni di spegnimento.

«Pertanto – ha concluso Maria Lilia Papa – il completamento della Sp 81 non consente solo di collegare direttamente Calatabiano a Castiglione di Sicilia e quest’ultima alle sue frazioni di Gravà e Mitogio, ma presenta tante altre utilità per tutto un vasto comprensorio ricadente tra le province di Catania e Messina».

Rodolfo Amodeo

 

FOTO PRINCIPALE: alcuni partecipanti alla sesta edizione della Camminata Pro S.P. 81 alla partenza da Castiglione di Sicilia

Potrebbero interessarti anche