Catania
15°

Castelmola: “guerra per le contrade” tra il sindaco Russo ed il sindacato S.U.L. Trasporti

Castelmola: “guerra per le contrade” tra il sindaco Russo ed il sindacato S.U.L. Trasporti

Al primo cittadino non è andata giù l’improvvisa soppressione del servizio di autolinee di cui, per due anni, hanno beneficiato i residenti in alcune zone periferiche del paese. A determinare il provvedimento è stata una denuncia con cui l’organizzazione a difesa dei lavoratori ha fatto rilevare la pericolosità dei relativi percorsi, cui mancherebbero i requisiti per il transito dei pullman

Il sindaco di Castelmola, Orlando Russo, ha mal digerito la soppressione del servizio di autolinee attivato due anni fa in favore delle contrade Ogliastrello e Mastrissa (quest’ultima ricadente nel territorio del limitrofo Comune di Taormina). Come avevamo notiziato in un precedente servizio giornalistico, a determinare il provvedimento è stata una denuncia presentata dall’organizzazione sindacale S.U.L. (Sindacato Unitario Lavoratori) per tutelare l’incolumità dei viaggiatori e degli autisti in quanto i percorsi in questione non presenterebbero i requisiti per il transito dei pullman. Il 6 aprile scorso, pertanto, la Polizia Stradale di Messina è intervenuta sui luoghi ed ha dato ragione al S.U.L. vietando sin da subito alla società di autolinee la prosecuzione del servizio.

Pronta la dura reazione del primo cittadino molese, per il quale «un sindacato che si definisce “dei lavoratori” ha agito contro i lavoratori stessi, ossia contro quegli autisti impiegati nel quotidiano servizio alle nostre contrade. Come Comune – avverte il sindaco Russo – ci difenderemo nelle sedi opportune e, per quanto mi riguarda, come componente del Direttivo dell’A.N.C.I. Sicilia vedrò di far luce sulla vicenda».

Non si è fatta attendere la decisa controreplica di Ugo Sergio Crisafulli, che del sindacato “S.U.L. Trasporti Sicilia”, avente la sua sede nel Comune di Gaggi, è il segretario regionale.

«Il sindaco di Castelmola – si legge in una nota diramata da Crisafulli – non ha motivo di “preoccuparsi” in quanto quei lavoratori cui lui allude continuano a rimanere regolarmente in servizio. Se il sindaco Russo vuole proprio prendersela con qualcuno, se la prenda con se stesso, che a suo tempo ha richiesto un servizio di linea senza conoscerne le regole basilari, enunciate negli artt. 4 e 5 del D.P.R. 753/80 (“Nuove norme in materia di Polizia, sicurezza e regolarità dei servizi di trasporto”). Prova ne è che adesso un organo dello Stato ha dato ragione al nostro sindacato, che evidentemente non ha presentato una denuncia campata in aria, bensì suffragata dalla situazione di reale pericolo venutasi a creare, più volte segnalataci dai colleghi autisti, i quali in condizioni meteorologiche avverse avevano non pochi timori nel percorrere quelle “trazzere”. Come non ricordare, poi, quel gravissimo incidente verificatosi al capolinea di contrada Ogliastrello a seguito di uno smottamento del terreno, che fortunatamente ha causato solo danni al mezzo, mentre la pensilina è precipitata nel burrone sottostante (anche in questo caso si assiste ad un abuso in quanto le pensiline dovevano essere messe in sicurezza con le necessarie opere murarie). Ribadiamo, pertanto, che per ben due anni siamo stati in presenza di un servizio di trasporto pubblico totalmente abusivo e privo delle necessarie autorizzazioni».

Sulla “querelle” è intervenuto anche il locale comitato “Amici delle Contrade”, dichiaratosi «rammaricato perché la sospensione del servizio, peraltro non preannunciata, crea molti disagi. Auspichiamo che tutti gli enti preposti possano giungere ad una soluzione».

Rodolfo Amodeo

 

FOTO: da sinistra il sindaco di Castelmola, Orlando Russo, ed il segretario regionale del S.U.L. Trasporti, Ugo Sergio Crisafulli

Potrebbero interessarti anche