Catania
31°

Emergenza idrica a S.Maria la Strada: i residenti ricorrono alle vie legali

Emergenza idrica a S.Maria la Strada: i residenti ricorrono alle vie legali

Sono pesanti e non più sopportabili i disagi patiti dai residenti della frazione giarrese di Santa Maria la Strada che, scaduti i termini di una diffida all’amministrazione a risolvere i disservizi idrici nel termine di 10 giorni, annunciano di passare alle vie legali a fronte di un immobilismo burocratico che si trascina da oltre un anno.

“Siamo di fronte ad una situazione irreversibile – afferma  l’avv. Sonia Limura, rappresentante legale del comitato dei residenti –. Santa Maria la Strada è stata tagliata fuori dal resto della città. Le difficoltà sono enormi poichè l’acqua non arriva nelle abitazioni, arrecando un grave pregiudizio. Abbiamo incontrato nei giorni scorsi l’amministrazione per capire quali interventi si potevano realizzare nel medio termine (ci sono stati illustrati due distinti progetti per mettere fine a disagi); nel contempo l’1 luglio è stato inoltrato, a mezzo raccomandata, a tutte le Istituzioni comunali competenti, oltreché, per conoscenza, alla Prefettura e all’Asp, formale atto di diffida e messa in mora, recapitato il 4 luglio. Non resta che adire alle vie legali”.

Dunque dinanzi all’ignavia dell’amministrazione nuova carta bollata in arrivo. Che si aggiunge a quella dei residenti di via Silvio Pellico per i mancati interventi nel parco Quattro Stagioni.

Tornando ai disagi di Santa Maria la Strada i progetti del Comune restano irrimediabilmente ancorati all’attuale situazione finanziaria dell’Ente. Per il primo intervento è stata preventivata una spesa di 160 mila: i lavori (durata 100 giorni) nel dettaglio prevedono la realizzazione di un nuovo tronco di condotta idrica, della lunghezza di circa 2 km, che consentirà di collegare la rete idrica esistente con la condotta primaria alimentata dalla sorgente “Fontanelle”.

Il secondo progetto, suggerito anche dagli stessi residenti di Santa Maria la Strada, prevede, invece, la realizzazione di un pozzetto di allaccio in un tratto di via Ruggero I°. Ma anche per quest’ultima soluzione progettuale, si apprende all’Ufficio tecnico del Comune, non sono state ancora reperite le somme neppure per la misurazione della pressione idrica oltre che per la realizzazione complessiva dell’intervento. Risultato tangibile: Santa Maria la Strada può ancora attendere.

Potrebbero interessarti anche