Catania
14°

Proposto bollino blu per le aziende che praticano l’alternanza scuola-lavoro

Proposto bollino blu per le aziende che praticano l’alternanza scuola-lavoro

L’alternanza scuola-lavoro è uno strumento pensato per rendere flessibili i percorsi formativi scolastici, capace di combinare lo studio teorico d’aula con forme di apprendimento pratico svolte in un contesto professionale.

L’aggiornamento professionale è indispensabile ad ogni età ed i ragazzi che si immettono nel mondo del lavoro devono essere competitivi e cogliere tutte le possibili occasioni formative che vengono loro offerte.

Per questo, in un mondo che si evolve e si trasforma a ritmi incalzanti, l’attenzione dell’impresa alla formazione ed ai progetti di alternanza-lavoro è un segnale importante.

Per il responsabile organizzativo Confapi Sicilia, Francesco Napoli (nella foto sopra), “la collaborazione tra mondo della formazione e imprese è di fondamentale importanza ma c’è bisogno che Imprese e Scuola iniziano a dialogare concretamente. Quando le imprese partecipano fin dall’inizio, cioè dalla fase di co-progettazione dei percorsi di alternanza, i risultati formativi si vedono, e sono tangibili”.

«Propongo di realizzare passaporti per certificare le competenze acquisite dagli studenti formati “on the job”; ma credo sia altrettanto giusto riconoscere anche “un bollino blu” alla qualità e all’impegno educativo delle aziende, troppo spesso silenzioso e sottotraccia. L’Impresa che ottiene il bollino blu potrebbe vedersi riconoscere maggiori incentivi, normativi ed economici, che riducano la burocrazia e permetta a uno studente di entrare in azienda senza stravolgerne l’organizzazione, ma apportando un valore aggiunto a lui e all’impresa stessa».

Insomma, si tratta di sancire “un nuovo patto educativo”. Per questo motivo le aziende che aiutano di più gli istituti e i ragazzi a crescere meritano un riconoscimento. Una sorta di patente che ne certifichi la qualità e l’impegno educativo. E sarebbe bello che questo riconoscimento fosse dato dalla Regione, magari creando un albo regionale con le migliori pratiche dell’alternanza.

“Sono convinto – sottolinea Francesco Napoli – che le settimane trascorse in azienda non servono banalmente a mettere solo in pratica ciò che si impara a scuola, ma rappresentano un percorso di conoscenza di sé, di quella dimensione che è il lavoro, che sarà centrale per tutto il resto della loro vita. L’esperienza si sta dimostrando efficace. Un vero e proprio scambio di crescita che consente anche alle imprese di avere a disposizione le risorse umane e le competenze professionali necessarie, soprattutto in una prospettiva di evoluzione all’Industria 4.0”.

«Entrando in fabbrica i ragazzi avvertono il valore e vivono spazi e tempi, osservano da vicino tecnologie produttive e modelli organizzativi che vanno a integrare necessariamente la loro formazione scolastica, perché l’apprendimento continuo e la ricchezza delle esperienze saranno la chiave del successo delle loro storie professionali».

Il punto è che il cambiamento viaggia veloce e la scuola, da sola, non riesce senza un coinvolgimento delle Pmi. Di qui l’importanza di «un successivo sforzo educativo», per dare ai ragazzi la giusta preparazione: “Una Formazione 4.0”.

Ma al tempo stesso c’è bisogno anche di flessibilità, soprattutto mentale, per gestire il cambiamento e saperlo interpretare. “Gli imprenditori non possono prescindere dal capitale umano e in questo l’asse scuola-imprese è strategico. Già prima della legge 107, infatti, – conclude Napoli – la piccola e media impresa ha svolto un processo educativo “silenzioso”. Processo che non può prescindere dal coinvolgimento delle Pmi, che sono la spina dorsale del Paese, e hanno un legame molto stretto con istituti scolastici e territori”.

In fondo la partnership con le scuole è per l’impresa un’opportunità e al tempo stesso una grande responsabilità.

Potrebbero interessarti anche