Giarre, Vigili urbani: anno zero. Disservizi cronici e carenza di coordinamento -
Catania
20°

Giarre, Vigili urbani: anno zero. Disservizi cronici e carenza di coordinamento

Giarre, Vigili urbani: anno zero. Disservizi cronici e carenza di coordinamento

Il dossier polizia municipale è una delle priorità dell’amministrazione Cantarella.  Tuttavia a giudicare dai risultati occorre una vera e propria rivoluzione. A cominciare dal vertice.  Le carenze gestionali sono sotto gli occhi di tutti. Sullo sfondo tanta inadeguatezza.

Ad ammettere le difficoltà è lo stesso sindaco Leo Cantarella che intende dare una sferzata nell’intento di rivitalizzare il corpo della polizia locale, privo di comandante, il cui personale si è ridotto drasticamente, tra pensionamenti e mobilità. Il sindaco Cantarella torna a ripetere  che “per l’assunzione di un nuovo comandante è necessario ottenere il via libera del ministero dell’Interno per via dei limiti imposti dal dissesto e dalla mancata approvazione dell’ipotesi di bilancio stabilmente equilibrato. Come noto le procedure e le interlocuzioni ministeriali sono in atto e contiamo di riuscire a rimetterci in carreggiata, sotto il profilo gestionale, nel giro di pochi mesi”. Dall’insediamento dell’amministrazione Cantarella nessuna direttiva è stata impartita. Neppure una riunione per fare il punto. Nulla.

Eppure i disagi del corpo sono notevoli e tutt’ora irrisolti.  A cominciare dal mancato rinnovo dell’autoparco: gran parte dei mezzi sono da rottamare o comunque da revisionare, le strumentazioni operative sono limitate, manca una centrale operativa per il coordinamento delle azioni, mentre i locali del comando risultano inadeguati. In tema di servizi d’istituto le carenze sono vistose. In pieno centro mancano da mesi i vigili di quartiere che presidiano gli incroci. Compresa piazza Duomo dove i semafori da mesi sono guasti e si notano di rado pattuglie di vigili. Ancora peggio il quadro nelle aree commerciali di corso Italia, via Callipoli, corso Messina e viale Libertà.

Il sindaco Cantarella ha avuto rassicurazioni che, per ferragosto, almeno due pattuglie (una per turno) espleteranno l’attività di vigilanza. Decisamente troppo poco considerando i flussi di vacanzieri e pendolari del mare che attraverseranno il centro storico. A tal proposito, il sindaco Cantarella, afferma che “è allo studio un piano viario alternativo all’ingresso sud di Trepunti. Si tratta al momento solo di valutazioni. L’intento è quello di creare una sorta di anello attorno a via Foscolo, tentando di decongestionare il traffico intenso nel centro urbano di Trepunti”. Un tentativo, certo.  Perché proprio all’ingresso sud occorre rivoluzionare la viabilità che, purtroppo, risente dell’inadeguata segnaletica stradale. A Trepunti si attende da anni il completamento della rotatoria di via Luminaria con la realizzazione di una bretella di raccordo, allo scopo di decongestionare l’infrastruttura di mobilità che, nelle ore di punta, è teatro di lunghi incolonnamenti di auto, in larga parte provenienti dalla vicina barriera autostradale e diretti a Giarre centro. Al sindaco Cantarella non resta che consigliare un gesto di coraggio. Di mettere fine a quella ad una situazione ormai insostenibile che sfiora quasi il grottesco.

Potrebbero interessarti anche