Giarre, Contratto di Quartiere: l'eterno teatro incompiuto. Fallita la mediazione di Falcone -
Catania
24°

Giarre, Contratto di Quartiere: l’eterno teatro incompiuto. Fallita la mediazione di Falcone

Giarre, Contratto di Quartiere: l’eterno teatro incompiuto. Fallita la mediazione di Falcone

Molti degli obiettivi prefissati, alcuni dei quali direttamente subordinati alla concessione degli stanziamenti del contratto di quartiere, sono miseramente falliti. Al netto della ricostruzione di 48 nuovi alloggi popolari, è venuta meno la mission  del Contratto di quartiere. I risultati in chiaroscuro sono rappresentati, infatti, dal mancato completamento del teatro e, con esso, la negata apertura del centro sociale, peraltro danneggiato da un incendio doloso.

I lavori per il completamento del teatro si sono fermati nell’estate del 2015; l’impresa, senza alcun preavviso, ha sospeso gli interventi di restauro strutturale e da allora prosegue a tentoni, l’interlocuzione tra Comune, Ufficio tecnico, impresa e Regione. Era stato l’assessore alle Infrastrutture Marco Falcone ad avviare una mediazione,  nel tentativo di scongiurare un contenzioso difficile poi da gestire stante il dissesto del Comune, che però si è rivelata un fallimento.

Tanta fuffa, pochi fatti concreti. Così, tutto è rimasto irrimediabilmente bloccato. Il teatro, dopo 60 anni di cantieri e di finanziamenti a stralcio, rimane ingabbiato dai ponteggi logori e, in parte danneggiati, confermando, a distanza di lunghi decenni, la triste vocazione di opera pubblica incompiuta.

Analoga triste sorte per il centro sociale di via Alfieri, al piano terra del nuovo complesso di edilizia popolare, mai aperto al pubblico. Anch’esso simbolo di un fallimento amministrativo senza precedenti.

 

 

Potrebbero interessarti anche