Il coronavirus non ferma la voglia di vacanza: tre italiani su 4 pronti a partire -
Catania
26°

Il coronavirus non ferma la voglia di vacanza: tre italiani su 4 pronti a partire

Il coronavirus non ferma la voglia di vacanza: tre italiani su 4 pronti a partire

Nonostante la pandemia, nessuno sembra essere disposto a rinunciare alle vacanze estive. E se la meta preferita rimane il mare, quest’anno per il 93% degli italiani l’estate sarà all’insegna della riscoperta delle bellissime località italiane. Tra spiagge di ogni tipo, panorami mozzafiato e posti indimenticabili il nostro paese ai tempi del Coronavirus offre agli italiani una vacanza a cui non manca nulla di quello che potrebbe offrire una località estera.

Molti italiani con la voglia di vacanza

La recente pandemia quindi non ha fermato la voglia di svagarsi, e secondo gli ultimi studi più del 50% degli italiani sa già di partire, mentre il 25% ci sta pensando. Privilegiando la sicurezza sanitaria, il 93% vuole restare in Italia, scegliendo quindi mete a portata di mano. Tra queste le più gettonate rimangono sicuramente quelle balneari, preferite dal 66%, mentre un 22,4% quest’anno opterà per la montagna, e solo un 6% si dedicherà alla visita delle città d’arte. Insomma, le avventure all’aria aperta saranno sicuramente privilegiate, anche per evitare di dover portare troppo tempo la mascherina in spazi chiusi. E visti gli effetti del Coronavirus, l’alloggio ideale scelto da gran parte dei vacanzieri sarà una casa, quindi un’abitazione isolata che possa consentire il rispetto del distanziamento da tutte quelle persone non facenti parte del proprio nucleo famigliare. Solo una minoranza infatti opterà quest’anno per il classico albergo o per il campeggio.

I costi non frenano la voglia di partire

E se andare in vacanza può essere molto costoso, questo non può frenare dal dedicarsi un viaggio da fare con tutta la famiglia, con il partner, ma anche da soli alla scoperta di sé stessi o di nuove conoscenze. Negli scorsi anni sono stati molti infatti i prestiti erogati per partire dato che ad esempio soltanto nei primi cinque mesi del 2019 è stato di 72 milioni l’ammontare richiesto per le spese legate alle vacanze. È facile dunque immaginare come anche quest’anno si possa replicare questa tendenza, dato che sono stati tantissimi coloro che nel corso degli anni hanno fatto ricorso a prestiti tra privati sul sito di Younited Credit, ad esempio, per questo genere di necessità, dato che non comprendendo la presenza di intermediari bancari i tassi sono molto più bassi. In più, quest’anno molte famiglie saranno aiutate dalla possibilità di richiedere il bonus vacanze, disponibile a partire dal 1° luglio tramite l’app IO della Pubblica Amministrazione.  Il contributo arriva a un massimo di 500 euro e il limite di reddito per poterlo ottenere è di 40.000 euro a famiglia. Il credito potrà essere speso dal 1° luglio al 31 dicembre 2020, ed è utilizzabile all’80% come sconto e al 20% come detrazione. Ci sono inoltre delle regole per potersene avvantaggiare, come prima cosa, le spese devono essere sostenute in un’unica soluzione da un’impresa turistico ricettiva, da un singolo agriturismo o da un singolo bed & breakfast, ed è importante che il totale sia documentato da fattura elettronica.

Nonostante la crisi portata dal lockdown, gli italiani continuano ad aver voglia di partire, magari dando anche una mano a far ripartire il paese.

Potrebbero interessarti anche