Operazione Isola Bella, scarcerato Giuseppe D’Arrigo -
Catania
31°

Operazione Isola Bella, scarcerato Giuseppe D’Arrigo

Operazione Isola Bella, scarcerato Giuseppe D’Arrigo

È stato rimesso in libertà il 46enne di Calatabiano Giuseppe D’Arrigo, arrestato nell’operazione Isola Bella che ha neutralizzato l’agguerrito clan criminale facente capo a Cintorino. D’Arrigo, arrestato dalla Guardia di finanza, con l’accusa di associazione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti, era stato rinchiuso nel carcere di Lanciano.

Il provvedimento di scarcerazione scaturisce dall’istanza al tribunale del Riesame presentata dal legale di D’Arrigo, avv. Salvo Sorbello ottenendo, per l’appunto, la revoca della misura.

I reati ipotizzati, a vario titolo, nell’ambito dell’operazione Isola Bella condotta dalla Guardia di finanza con il coordinamento della Procura di Catania. sono associazione mafiosa, estorsioni, usura trasferimento fraudolento di valori e narcotraffico. Sequestrati anche di beni riconducibili al gruppo Cappello-Cintorino e alla “famiglia” Santapaola-Ercolano per un milione di euro: una società di noleggio di acquascooter, un bar e un lido balneare di Giardini Naxos e una ditta attiva nel settore dei lavori edili.

Nella rete di attività economiche più redditizie del clan la Dda di Catania indica il business delle escursioni turistiche con barche da diporto nel tratto di mare antistante Isola Bella di Taormina.

Potrebbero interessarti anche