Catania
12°

Catania, controlli antidroga della polizia nelle scuole

Catania, controlli antidroga della polizia nelle scuole

La polizia di Stato ha svolto un’attività di prevenzione e repressione rivolta al contrasto del dilagante fenomeno dello spaccio e dell’uso delle sostanze stupefacenti da parte di giovani minori e non.

Per tali motivi, i poliziotti del Commissariato Borgo Ognina hanno rivolto la loro attenzione principalmente in 4 scuole, di cui 2 ubicate in zona Villaggio Dusmet, 1 al lungomare di Ognuna e un’altra che si trova nei pressi di Piazza Rosolino Pilo e, ancora, sono stati eseguiti controlli a San Giovanni Li Cuti, Piazza Europa e in altra zona residenziale.

Durante la predetta attività sono stati controllati circa 100 giovani dove a 13 di loro sono state contestate violazioni ai sensi dell’art. 75 del D.P.R. 309/90 che vieta l’uso personale di droghe e, nei molteplici casi in cui le violazioni sono state commesse dai minori, sono stati immediatamente informati i genitori oltre che la prefettura al fine del recupero terapeutico.

A seguire, sono state indagate in stato di libertà due persone, Z.A. e Z.N., uno dei quali con numerosi precedenti penali, per detenzione di sostanza stupefacente tipo marijuana e coltivazione di cannabis; la coltivazione della pianta è stata accertata nel cortile di pertinenza dell’abitazione mentre l’ulteriore sostanza è stata rinvenuta dentro casa.

Ai responsabili di detti reati è stata sequestrata anche la somma di euro 630,00 e materiale da confezionamento.

Infine, è stato tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti del tipo crack e cocaina tale TORRISI Francesco di anni 38 il quale è stato sorpreso presso l’abitazione di un soggetto sottoposto alla misura degli arresti domiciliari in possesso di circa 70 dosi delle suindicate sostanza.

L’uomo alla vista dei poliziotti, ha tentato di disfarsi dei 2 sacchetti di droga e del bilancino buttando dal balcone detto materiale immediatamente recuperato e sequestrato dai poliziotti.

Inoltre, sono stati sequestrati anche soldi e diverse dosi che il malfattore deteneva ancora in tasca.

Potrebbero interessarti anche