Catania
16°

Da Francavilla di Sicilia un artistico regalo per Papa Francesco

Da Francavilla di Sicilia un artistico regalo per Papa Francesco

Glielo ha personalmente consegnato in Vaticano la sua stessa autrice, Elena Lo Presti, in occasione dell’udienza pontificia di venerdì scorso dedicata ai cinquant’anni dell’Associazione Italiana Genitori, la cui sezione siciliana ha voluto omaggiare Sua Santità della significativa opera realizzata dalla creativa del Comune dell’Alcantara

Non capita a tutti di ritrovarsi “faccia a faccia” con il Sommo Pontefice. Venerdì scorso è capitato ad Elena Lo Presti, giovane artista figurativa di Francavilla di Sicilia, che ha personalmente consegnato a Papa Bergoglio la sua opera “La luce che illumina il nostro cammino” nell’ambito dell’udienza tenutasi in Vaticano in occasione dei cinquant’anni dell’Associazione Italiana Genitori (A.GE.).

La Lo Presti faceva parte della delegazione dell’Age Sicilia, di cui è segretaria regionale Sandy Villari, che è anche presidente della sezione di Giardini Naxos dell’associazione dei genitori.

«Siamo orgogliosi di questa artista francavillese – ha dichiarato Sandy Villari – che merita veramente tanto, sia per le bellezze che produce e sia perché ha deciso di continuare ad operare nel proprio territorio, dove ha avviato il laboratorio creativo “Arteficio”. Come rappresentante di un’associazione che porta avanti i valori della famiglia, ritengo che bisogna impegnarsi affinché i nostri figli non si allontanino dalle proprie radici. E questo discorso vale ancora di più con riferimento alla nostra Sicilia, una terra bellissima che può dare tanto alle future generazioni e che, quindi, non merita di essere abbandonata. Da questo punto di vista, dunque, Elena Lo Presti è un esempio da seguire. Per lei e per tutti noi dell’Associazione Italiana Genitori incontrare personalmente Papa Francesco dell’aula “Paolo VI” è stata un’esperienza straordinaria che ha dato un ulteriore impulso alla nostra organizzazione».

Per quanto riguarda l’opera donata a Papa Francesco che Elena Lo Presti ha realizzato per conto dell’Age Sicilia, essa è composta da una base in pietra lavica ceramizzata e da una scultura in ceramica invecchiata. Come spiega la stessa autrice, «la pietra lavica sta a simboleggiare le origini della terra e la forza della natura sull’essere umano. Su questa lastra dipinta vi è rappresentato uno scorcio paesaggistico tipico della nostra amata Sicilia. Sopra la lastra è apposta una scultura in ceramica raffigurante la Sacra Famiglia, racchiusa all’interno della sagoma dell’isola. La Luce è il centro dell’opera, e vuol significare che così come la Luce di Dio illumina le nostre vite, la “luce” sprigionata dai genitori compie il miracolo di far nascere, crescere ed educare i figli, che saranno i protagonisti del domani. Il mare che circonda l’isola, infine, vuol essere un simbolo di apertura verso il mondo, dove tutti i bambini e tutti i genitori dovrebbero indistintamente avere il diritto di vivere in maniera serena e dignitosa».

Da sinistra il noto sociologo Francesco Pira, la vicepresidente dell’“A.GE. Giardini Naxos” Silvana Barone, Sandy Villari ed Elena Lo Presti in Vaticano per la recente udienza di Papa Francesco

Non appena conseguito (presso l’Istituto Statale d’Arte di Giarre) il diploma di esperta in catalogazione e restauro dei beni culturali, Elena Lo Presti ha messo a frutto il suo estro e la sua apprezzata professionalità in diverse località della Sicilia, partecipando con successo a prestigiosi concorsi artistici e curando i restauri degli arredi religiosi di importanti edifici sacri.

«Alla Chiesa – dichiara l’artista francavillese – ho dedicato tanti lavori. Ma non immaginavo mai di potere un giorno dedicarne e personalmente consegnarne uno addirittura al Papa. Ringrazio, dunque, di vero cuore l’Associazione Italiana Genitori per avermi dato questa meravigliosa opportunità».

Rodolfo Amodeo

Potrebbero interessarti anche