Catania
22°

Santa Venerina, il comandante della Stazione dei Carabinieri Alessandro Calabretta trasferito a Giarre

Santa Venerina, il comandante della Stazione dei Carabinieri Alessandro Calabretta trasferito a Giarre

Con una targa ricordo e un breve, ma sentito discorso di commiato, è stato salutato ieri mattina, presso la Sala Consiliare “Maria Grazia Cutuli”, il maresciallo dei carabinieri, Alessandro Calabretta, che dopo quasi nove anni al comando della stazione dei carabinieri di Santa Venerina, da oggi comanderà la stazione dei Carabinieri di Giarre.

Insieme al comandante Calabretta, andrà via da Santa Venerina anche il vice comandante Salvatore Toscano che ha deciso di seguirlo verso la nuova destinazione giarrese.

“Un momento pensato in modo semplice  – ha tenuto a sottolineare il sindaco Salvatore Greco –  senza pomposità e formalismi, nel quale vogliamo manifestare  la nostra  gratitudine verso il comandante Alessandro Calabretta e il vice comandante Salvatore Toscano. Noi e le forze dell’ordine facciamo due lavori diversi ma li facciamo in collaborazione, in simbiosi e la nostra collaborazione è sincera, schietta ma soprattutto improntata al raggiungimento dei risultati. E ciò non può che giovare alla collettività”.

“Voglio sottolineare  – ha aggiunto il primo cittadino Greco – la collaborazione degli ultimi cinque anni  che è stata particolarmente piacevole. A ciò si è aggiunto che ho avuto modo di relazionarmi con persone con elevate qualità umane e professionali e ciò ha facilitato il nostro e il vostro lavoro. Sappiamo di concedere alla nuova destinazione due persone di valore e ce ne priviamo con un certo dispiacere. Via auguriamo che nel nuovo ruolo che assumerete possiate trovare la stessa collaborazione con le istituzione che avevate a Santa Venerina”.

Altrettanto sentito il saluto del maresciallo Calabretta che per prima cosa ha tenuto a ricordare due carabinieri scomparsi prematuramente: l’appuntato scelto Alfio Pavone e il brigadiere Filippo Maugeri: “Si chiude per me un ciclo e se ne apre un altro. Ma voglio rivolgere un ringraziamento al sindaco Salvatore Greco, al vice sindaco Giuseppe Fresta, agli assessori Alfina Marino, Maria Assunta Vecchio e Maurizio D’Angelo, ma anche al precedente sindaco Enrico Pappalardo. In questi nove anni vi è stata una costante, reale e sincera collaborazione con le istituzioni senza la quale non si possono raggiungere risultati”. Un ringraziamento ha voluto  rivolgere anche ai dirigenti del Comune Sebastiano Calì e Rosario Arcidiacono ed  al geometra dell’Ufficio Tecnico  Salvatore Maugeri.

Il maresciallo Calabretta, 48 anni, lascia Santa Venerina, non senza un po’ di dispiacere: “Sono stati nove anni in cui abbiamo lavorato tanto. Il bilancio di questa mia permanenza? Sicuramente positivo. Tanto è stato fatto, tanto c’è ancora da fare. Lascio una bella squadra di lavoro a chi mi sostituirà”. “A Santa Venerina  – prosegue il maresciallo Calabretta – mi sono trovato veramente bene, sono stato ben accolto sia dalla precedente amministrazione che dall’attuale”.

Presente all’incontro anche il capitano della compagnia dei carabinieri di Giarre Luca Leccese, i volontari dell’associazione carabinieri di Santa Venerina e il consigliere Alfio Trovato.

Al posto di Calabretta, al comando della stazione carabinieri di Santa Venerina, arriverà il luogotenente Antonello Russo proveniente da Giarre.

Potrebbero interessarti anche