Catania
30°

Linguaglossa: una domenica di volontariato per risanare il torrente San Leonardo

Linguaglossa: una domenica di volontariato per risanare il torrente San Leonardo

La zona versava da tempo in condizioni di degrado, ma avantieri i giovani della locale associazione “Ascùta”, in collaborazione con quelli del gruppo “Rifiuti Piroclastici”, hanno provveduto a ripulirla

Quella di avantieri a Linguaglossa è stata una domenica all’insegna dell’ambiente e del volontariato. I giovani della locale associazione “Ascùta”, costituitasi nei mesi scorsi, hanno infatti provveduto a ripulire un’intera area del torrente San Leonardo, da tempo nel degrado.

Al loro fianco i volontari del gruppo “Rifiuti Piroclastici”, spesso impegnati in operazioni di questo tipo nel territorio del Parco dell’Etna.

Una parte del torrente San Leonardo prima e dopo la pulitura

Come ha dichiarato più che soddisfatto Raffaele Carriero, presidente di “Ascùta”, «all’iniziativa hanno partecipato in tanti, che ringrazio a nome degli altri rappresentanti della nostra associazione, così come ringraziamo chi ha sponsorizzato questa indimenticabile domenica ed, in particolare, quei commercianti di ferramenta linguaglossesi che ci hanno donato i sacchi ed i guanti utilizzati per l’occasione. Abbiamo in cantiere tanti altri eventi, ma questo tipo di giornata ecologica dovrà diventare un appuntamento periodico».

L’associazione giovanile “Ascùta” si è costituita all’indomani delle elezioni amministrative di Linguaglossa dello scorso giugno e, prima della giornata ecologica di ieri, si è fatta promotrice di diverse iniziative sul fronte dell’informazione politico-amministrativa nell’intento di avvicinare i cittadini alla conoscenza ed alla comprensione degli atti deliberati dalle varie istituzioni locali (Sindaco, Giunta e Consiglio Comunale).

Con l’originale denominazione dialettale di cui il sodalizio si fregia, ossia “Ascùta” (che in lingua italiana significa “Ascolta”), si intende rivendicare il diritto di poter parlare a chi ha il dovere di mettersi “in ascolto” di una comunità per interpretarne al meglio le esigenze.

“Ascùta” rappresenta anche una sorta di “forum” delle associazioni linguaglossesi in quanto i giovani che ne fanno parte provengono a loro volta da diversi sodalizi socioculturali locali a tutt’oggi operativi.

Rodolfo Amodeo

Potrebbero interessarti anche