Catania
15°

Giarre, definiti i conguagli per i consiglieri. Silenzio assoluto sui rimborsi. Nuova dimenticanza?

Giarre, definiti i conguagli per i consiglieri. Silenzio assoluto sui rimborsi. Nuova dimenticanza?

E’ stato notificato dalla dirigente dell’Area Attività Amministrative, Letizia Nanì, tramite posta elettronica certificata, il prospetto dei conguagli relativo al pagamento dei gettoni di presenza nel periodo compreso tra l’1 giugno 2016 e il 31 maggio 2017.

I consiglieri, adesso, possono tirare un sospiro di sollievo. Quasi.

La vicenda dei gettoni e della loro rideterminazione, trae origine dalla comunicazione, nell’agosto della scorsa estate, dell’avvio di verifiche contabili retroattive sugli importi liquidati, procedendo alla definizione dei conguagli secondo i dettami delle nuove normative intervenute nell’ambito dell’adeguamento della normativa nazionale in materia di indennità di funzione e gettoni di presenza per gli amministratori locali – modifiche alla legge regionale del 23 dicembre 2000, n.30, in materia di permessi e rimborsi.

Con “la Legge regionale n. 11 del 2015, in particolare l’art. 2, comma 1, è venuta a modificare in modo complesso la Legge regionale 30 del 2000 che regolamenta lo status degli amministratori locali in Sicilia.

I consiglieri comunali fino ad oggi hanno percepito un gettone pari a circa 32 euro lordi per ogni seduta consiliare e di commissione, ora, con la ridefinizione delle indennità, con decorrenza giugno 2016, riceveranno un gettone pari a circa 20 euro.

Contì alla mano, cosi come emerge dal prospetto,  tra conguagli e storni connessi al lungo periodo di sospensione dei pagamenti dei gettoni, le somme da restituire variano da 926 euro a poco più 39 euro, in qualche caso.

Mediamente le differenze tra le somme percepite e quelle effettivamente dovute nel periodo compreso tra giugno 2016 e maggio 2017, sono di circa 2 mila euro.

Il prospetto dei conguagli che l’area amministrativa ha reso noto ai consiglieri sarà quanto prima formalizzato con determina dirigenziale. Fin qui le novità sui gettoni.

Ma che notizie si hanno riguardo i rimborsi (partecipazione a riunioni di Giunta o di commissione) per assessori e consiglieri comunali dipendenti pubblici o di aziende private? Il passaggio centrale, relativamente alle modifiche intervenute, riguarda, infatti, anche il comma 2 della citata Legge regionale n. 11del 2015.

Precedentemente gli amministratori avevano diritto per la partecipazione alle sedute, di assentarsi dal servizio per l’intera giornata; con la nuova normativa hanno invece “diritto di assentarsi dal servizio per il tempo strettamente necessario alla partecipazione a ciascuna seduta, compreso il tempo per raggiungere il luogo della riunione e rientrare al posto di lavoro nella misura massima di un’ora prima e di un’ora dopo lo svolgimento della seduta”.

Relativamente ai rimborsi “spetta per le sole spese di viaggio effettivamente sostenute per l’effettiva partecipazione ad ognuna delle sedute dei rispettivi organi assembleari ed esecutivi, nonché per la presenza necessaria presso la sede degli uffici per lo svolgimento delle funzioni proprie o delegate. O forse gli uffici amministrativi, ancora una volta, hanno dimenticato?

Mario Previtera 

Potrebbero interessarti anche