Catania
18°

Giardini Naxos: il P.A.E.S. per un Comune più vivibile, pulito ed “energico”

Giardini Naxos: il P.A.E.S. per un Comune più vivibile, pulito ed “energico”

Il civico consesso della prima colonia greca di Sicilia ha approvato il Piano di Azione per l’Energia Sostenibile, che consente di poter accedere ai finanziamenti pubblici per l’efficientamento ed il risparmio energetico e per la riduzione delle emissioni di anidride carbonica. La soddisfazione del vicesindaco Carmelo Giardina

Per il Comune di Giardini Naxos si aprono nuove prospettive di accesso a finanziamenti pubblici oltre che di miglioramento della qualità di vita. Nei giorni scorsi, infatti, il civico consesso della prima colonia greca di Sicilia ha approvato il Piano di Azione per l’Energia Sostenibile (P.A.E.S.), ossia lo strumento programmatico finalizzato al risparmio ed all’efficientamento energetico e, soprattutto, alla riduzione del 20%, entro il 2020, delle emissioni di CO2 (anidride carbonica).

Soddisfazione al riguardo è stata espressa da Carmelo Giardina (nella foto), vicesindaco ed assessore alle Politiche Energetiche.

«L’approvazione del Paes – ha dichiarato quest’ultimo – rappresenta un passo importante per la nostra comunità sui fronti della tutela ambientale e della partecipazione ai relativi bandi di finanziamento europei. Anche i consiglieri di minoranza, pur essendosi astenuti, hanno dimostrato senso di responsabilità permettendo il mantenimento del numero legale affinché la votazione dell’importante documento potesse aver luogo. In realtà siamo in ritardo in quanto avremmo dovuto dotarci del Paes nel 2014, ossia entro un anno dall’adesione del nostro Comune al cosiddetto “Patto dei Sindaci”. Comunque recupereremo il tempo perduto inviando immediatamente il nostro Piano alla Commissione Europea di Bruxelles, dove sarà valutato per l’approvazione finale. Per la completa attuazione del Paes di Giardini Naxos è stato previsto l’impiego di circa sei milioni e mezzo di euro di risorse pubbliche. Di concerto col professionista esterno di cui ci siamo avvalsi per la sua redazione, abbiamo individuato tutta una serie di azioni mirate a ridurre le emissioni di anidride carbonica, ad incrementare le fonti energetiche rinnovabili ed a determinare un risparmio energetico, il tutto (ossia riduzioni, incrementi e risparmi) nella misura del 20% entro il 2020».

Tanto per non andar lontano, i benefici derivanti dal Paes sono stati già “toccati con mano” nel Comune di Francavilla di Sicilia, uno dei primi, un paio d’anni fa, a dotarsi di tale strumento, grazie al quale la cittadina dell’Alcantara ha ottenuto un cospicuo finanziamento (240mila euro) per la riqualificazione energetica del plesso delle scuole elementari nonché premialità e punteggi aggiuntivi nelle graduatorie dei vari bandi ministeriali e comunitari in materia di ambiente.

Rodolfo Amodeo  

Potrebbero interessarti anche