Catania
14°

Calcio: il Giarre non va oltre l’1-1 contro il forte Città di S. Agata

Calcio: il Giarre non va oltre l’1-1 contro il forte Città di S. Agata

Finisce 1-1, con il Città di S. Agata che viaggia a braccetto con il Biancavilla e che si trova ad un solo punto di distanza dalla neo capolista in solitario Città di Rosolini.

Partenza arrembante per il Giarre di Mascara inerentemente ai primi minuti. Città di S. Agata che però non subisce supinamente provando a rintuzzare i gialloblù quando può. La rete di Carbonaro su rigore al pronti via è comunque un chiaro segnale che il Giarre di Mascara è vivo sotto il profilo del dinamismo e dunque dell’intensità di gioco. Compagno, Carbonaro e Caputa sfiorano il raddoppio.

Al 35′ tuttavia, Mincica su rigore realizza il pari che conferisce una maggiore spinta agli ospiti sul piano mentale. Nella ripresa, i biancazzurri mantengono una elevata intensità di gioco mentre il Giarre cala. La mezzala destra Calafiore, la mezzala sinistra Fogliani e il regista Privitera abbinano aggressività in fase di non possesso a ritmi elevati in fase di proiezione offensiva.  A ciò si aggiunge che Isgrò con le sue folate fa il bello e il cattivo tempo riuscendo anche a duettare in alcune circostanze brillantemente con Calafiore. Anche Mincica, con le sue doti tecniche nell’uno contro uno, è sempre una spina nel fianco.

Ne consegue che il Giarre rischia di capitolare prima su un colpo di Cicirello spentosi fuori, poi sul rigore fallito da Mincica perchè parato da Colonna e poi sulla maldestra stoccata di Cicirello, parata non senza affanni da un super Colonna.

Per la sfida contro i tirrenici, il Giarre di Mascara si dispone con un 4-3-3: Colonna tra i pali, Santitto terzino destro, Sanfilippo terzino sinistro, Miano e Francesco D’Arrigo nel cuore della difesa, Patanè regista, Lamia mezzala sinistra, Compagno mezzala destra, Carbonaro punta centrale Caputa esterno offensivo di sinistra e Leotta esterno offensivo di destra.

Il Città di S. Agata risponde con un 4-3-3 camuffato poichè in fase offensiva diventa un 3-3-4: Inferrera tra i pali, Franchina terzino destro, Zingales terzino sinistro (con licenza di spingere) Mazzola e Bontempo F. nel cuore della difesa, Privitera regista, Calafiore mezzala destra, Fogliani mezzala sinistra, Isgrò esterno offensivo di destra, Mincica esterno offensivo di sinistra e Cicirello punta centrale.

Al 2′, il Giarre passa in vantaggio. Lamia prevale in un contrasto. La palla arriva a Carbonaro che viene atterrato da Mazzola in area di rigore. Della battuta del penalty si incarica Carbonaro, la cui conclusione si insacca sotto la traversa, scatenando la gioia dei tifosi gialloblù.

Successivamente, Sanfilippo crossa dalla sinistra ma Inferrera respinge. In seguito, il Giarre si rende pericoloso sulla destra. Gli ospiti liberano l’area di testa ma Compagno spara dalla distanza. La sua staffilata viene respinta dal portiere.Poi, su una punizione battuta da Patanè, il colpo di testa del difensore gialloblù Francesco D’Arrigo, è preda di Inferrera. All’8′, Isgrò, pescato da un’imbucata, prova a inquadrare la porta ma il suo tiro termina a lato. Al 14′ del primo tempo, Caputa scarica per Lamia che lancia in verticale per Carbonaro, il quale irrompe in area e calcia in diagonale. Il suo tiro si spegne a lato.Al 22′ del primo tempo, Carbonaro, sacrificatosi molto insieme a Leotta in fase di non possesso, resiste alla pressione di Calafiore e apre il gioco sulla sinistra per Caputa, il quale converge e scocca un tiro di destro deviato dal portiere in angolo.

Poco dopo, una sponda di testa di Leotta imbecca Compagno che serve Carbonaro, il quale si gira e tira ma spara alto. Al 27′ del primo tempo, Carbonaro serve Patanè, il quale innesca Leotta ma la sortita di quest’ultimo si traduce in una stoccata deviata in angolo.Al 31′ del primo tempo, Isgrò salta Sanfilippo ma Compagno dall’interno dell’area chiude su di lui.

Al 35′ del primo tempo, il Città di S. Agata pareggia. Zingales serve Cicirello che viene atterrato. L’arbitro assegna il rigore che Mincica trasforma mandando Colonna dall’altro lato rispetto al tiro.E’ 1-1. Al 38’del primo tempo, Isgrò serve Zingales il quale crossa verso il cuore dell’area ma Miano interviene di testa soffiando la sfera a Cicirello.

In seguito, Lamia allarga il gioco sulla destra per Compagno il cui tiro viene deviato in angolo. Dal corner per i gialloblù, scaturisce un’occasione sui piedi di Francesco d’Arrigo ma Inferrera mura il suo tiro che potrebbe valere il 2-1.Nel finale di primo tempo, sulla punizione di Privitera, Isgrò salta Compagno e dall’interno dell’area spara verso la porta. Il suo tiro fa la barba al palo.

Nella ripresa, al 2′, sulla punizione di Privitera, Cicirello riceve palla e tira ma la sua conclusione viene parata da Colonna. Al 7′ della ripresa, punizione di Patanè che serve Leotta, il quale appoggia per Santitto. Il suo cross raggiunge Lamia che dall’interno dell’area stoppa la palla ma esita nel momento del tiro. All’11’ del secondo tempo, Lamia dribbla Privitera e spara da fuori area ma il portiere para. Poi incursione dell’esterno offensivo gialloblù Leotta che salta Zingales e dall’interno dell’area tira sul primo palo, ma Inferrera respinge.

Successivamente, su un cross di Santitto, il colpo di testa di Carbonaro viene parato da Inferrera. In seguito, il Città di S. Agata prova a rendersi pericoloso con Cicirello, che, servito da Isgrò, effettua un pallonetto. La palla però si perde sopra la traversa. Al 16′ del secondo tempo, traversone dalla sinistra di Zingales ma Miano interviene. In seguito, Isgrò mette una palla dalla destra per Cicirello, il cui colpo di testa dall’interno dell’area termina a lato di poco.

Al 23′ della ripresa, Cicirello serve Mincica, il quale imbecca Isgrò che muovendosi in orizzontale scarta Colonna ma subisce da questi il fallo.Mincica calcia il rigore ma Colonna si distende respingendolo. Al 24′ del secondo tempo, Messina entra in campo al posto di Patane’ per un 4-2-3-1.Al 26′ della ripresa, brillante combinazione tra Isgrò e Calafiore. Isgrò serve in orizzontale Cicirello il quale calcia sottomisura di destro. Colonna, non senza affanni, evita il goal.

Al 31′ del secondo tempo, Caputa crossa dalla sinistra per Messina, il cui colpo di testa viene respinto da Inferrera ma il guardalinee sbandiera il fuorigioco.Il Città di S. Agata ci prova con Fogliani ma la sua punizione a giro si perde sopra la traversa.

Il fischio finale sancisce un pari che alla fine suona quasi come un punto guadagnato per il Giarre, visti i rischi corsi. Al momento, i gialloblù sono settimi in classifica con 16 punti, alle spalle del Città di Scordia, il quale si attesta al sesto posto con 19 punti. Quinto è il Camaro con 21 punti. Nel prossimo turno, il Giarre renderà visita al Ragusa, quart’ultimo con 7 punti.

U.T.

 

Potrebbero interessarti anche