Catania

Francavilla di Sicilia: dietrofront del sindaco Pulizzi per le elezioni regionali

Francavilla di Sicilia: dietrofront del sindaco Pulizzi per le elezioni regionali

Il primo cittadino rinuncia alla corsa a Sala d’Ercole. «Non ho riscontrato le condizioni – spiega – per dare voce alle piccole comunità. Continuerò ad impegnarmi ancora di più per il nostro paese». E tra le prossime iniziative preannuncia la revisione della rete idrica e l’istituzione dei rappresentanti di quartiere e della consulta giovanile

Alle elezioni regionali del 5 novembre il sindaco di Francavilla di Sicilia, Vincenzo Pulizzi, sarà un semplice elettore. Il primo cittadino del Comune dell’Alcantara ha infatti deciso “a sorpresa” di ritirarsi dalla corsa a Sala d’Ercole, per la quale era intenzionato a competere sino a qualche giorno fa in una lista del suo mentore politico, Cateno De Luca, a supporto del candidato del Centrodestra alla presidenza Nello Musumeci.

Pulizzi ha ufficialmente annunciato la sua non candidatura avantieri sera al termine dell’incontro con la cittadinanza per fare il punto sui primi cento giorni del suo mandato amministrativo.

«Mi sono reso conto – ha motivato al riguardo – che la nostra Sicilia, martoriata dai “professionisti poco professionali” dell’Antimafia, rischia di ripiombare nella palude di una politica vecchia, lontana dalle persone e vicina, invece, ai potentati. Il nostro modo di intendere la politica non può trovare posto in questo contenitore elettorale, in cui sull’altare dei conti numerici, peraltro tutti da verificare, vengono sacrificati i valori e le esigenze di un territorio e di un’intera provincia. Avevamo in mente un progetto ambizioso, con l’obiettivo di far sentire la nostra voce anche in ambiti più grandi, ma non vogliamo farlo a queste condizioni. Lavoreremo dunque con ancora più caparbietà di prima affinché la nostra Francavilla abbia la sua rivincita con l’umiltà, l’orgoglio e la trasparenza che ci contraddistinguono».

Per quanto concerne il resoconto politico-amministrativo dei suoi primi cento giorni da sindaco, dal palco del Cineteatro Comunale “Arturo Ferrara” Enzo Pulizzi, affiancato dai suoi assessori e dai consiglieri comunali di maggioranza (nella foto), ha evidenziato le criticità finanziarie dell’ente di Piazza Annunziata, su cui grava una mole alquanto ingente di debiti fuori bilancio, che il nuovo Esecutivo si sta impegnando a pagare per un ammontare complessivo di novecentomila euro, attinti in parte dalle casse comunali ed in parte ricorrendo ad una rimodulazione di alcuni mutui accesi in passato.

Ma il sindaco Pulizzi ha anche accennato alle iniziative future, tra cui si annoverano la revisione della rete idrica comunale e l’incentivazione della democrazia partecipata attraverso la costituzione di una consulta giovanile e l’istituzione dei rappresentanti di quartiere, eletti dai residenti delle varie zone del paese.

Rodolfo Amodeo

Potrebbero interessarti anche