Catania
31°

Giarre, bandi di gara micro asilo e centro diurno. Giusi Savoca gioca all’”opposizione”: “E’ tutto fermo, a rischio i finanziamenti”

Giarre, bandi di gara micro asilo e centro diurno. Giusi Savoca gioca all’”opposizione”: “E’ tutto fermo, a rischio i finanziamenti”

Futuro tutto da decifrare per due importanti opere pubbliche, il micro asilo di Macchia e il centro diurno di via Berlinguer. Il consigliere di maggioranza Giusi Savoca non nasconde il proprio imbarazzo sottolineando che i due bandi non sono mai approdati in commissione e che risultano essere sempre in fase di “definizione”.

Affermazione , quest’ultima, più volte ripetuta dall’assessore Enza Rosano  il cui ruolo,  a fronte di un immobilismo  sconcertante, appare inadeguato. In piena coerenza, del resto, con l’amministrazione. Il rischio paventato dalla stessa Savoca, che ormai sembra avere preso le distanze dalla maggioranza mostrando l’atteggiamento tipico di chi rifiuta di essere “teleguidata”, mostrando i muscoli ad un esecutivo incapace di dare risposte, è quello che a settembre possano andare perduti i finanziamenti. A causa dell’inerzia-ignavia dell’amministrazione. E il risultato è sotto gli occhi di tutti.

Il centro diurno per anziani di via Berlinguer, a quasi due anni dall’ultimazione dei cantieri, rimane chiuso con il rischio concreto di trasformarsi in una deludente incompiuta o peggio ancora di essere depredato, considerato che la struttura, finanziata con fondi regionali (circa 1 milione di euro) e completata durante l’amministrazione Bonaccorsi, è dotata di arredi.

Il centro, costituito da una sala polivalente ricreativa, bar, quattro mini alloggi con annessi servizi igienici, sala medica, locale spogliatoio e assistente sociale, sala tv e accettazione e che si configura come un qualificato presidio socio-assistenziale a carattere semi-residenziale, attende solo di essere aperto e affidato in gestione. Come e quando non è ancora dato saperlo. Il bando sarebbe ancora in fase di lavorazione e i tempi procedurali a quanto pare sono ancora lunghi.

Analoga la sorte per il micro asilo comunale di via Russo a Macchia, sul quale pende anche una indagine della Procura di Catania (le indagini sono state condotte dalla Guardia di finanza) relativamente alle modalità dell’appalto dei lavori per la rifunzionalizzazione della struttura pubblica.

Nei giorni scorsi sono stati notificati 5 avvisi di conclusione indagini carico della dirigente dell’Area tecnica del Comune, dei tre componenti della commissione di gara e del legale rappresentante dell’impresa che si è aggiudicata i lavori. L’accusa contestata è di turbativa d’asta e falso ideologico in concorso.

Infine lo stadio regionale di via Olimpia, per la cui gestione il Comune intende rivolgersi ai privati. E in tema di bandi, ieri, finalmente, il Comune ha reso noto che per o stadio regionale di via Olimpia è stato pubblicato all’albo pretorio on line l’avviso di gara, tramite procedura aperta, con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa. Le offerte dovranno pervenire improrogabilmente entro il 3 agosto prossimo.

Potrebbero interessarti anche