Catania
18°

Assenteismo al Comune di Acireale: destinato a crescere il numero degli indagati

Assenteismo al Comune di Acireale: destinato a crescere il numero degli indagati

L’operazione antiassenteismo portata a termine dalla polizia di Acireale tra il febbraio e il marzo del 2015 e poi venuta alla luce il 12 febbraio dello scorso anno, registra altre novità: è destinato a crescere, infatti, il numero degli indagati.

La Procura di Catania, com’è noto, ha chiesto il rinvio a giudizio per 18 persone, accusate, a vario titolo, di truffa ai danni di ente pubblico e di falsa attestazione di presenza in servizio e fra meno di una settimana, martedi 17 gennaio per l’esattezza, si svolgerà l’udienza che stabilirà il rinvio a giudizio o meno per i 18, quindici dei quali sono già stati licenziatidal Comune il 9 giugno scorso.

Si tratta delle 15 persone raggiunte nella prima ora da misure cautelari: tre agli arresti domiciliari e 12 con obbligo di firma.

In totale, però, erano 62 i dipendenti coinvolti e i tempi, a quanto pare, sono maturi anche per quei dipendenti di cui fino ad oggi non sono stati ancora ufficializzati i nomi.

La polizia, infatti, ha già consegnato al Pm il fascicolo relativo alle posizioni dei restanti 41 dipendenti e nelle prossime settimane ci potrebbero essere novità.

A quanto pare, infatti, sarebbero pronti una trentina di avvisi di garanzia. La notifica di accusa è sempre quella: truffa ai danni di ente pubblico e falsa attestazione di presenza in servizio sul luogo di lavoro.

Potrebbero interessarti anche